Come scegliere una porta blindata per la casa?

Ultima modifica: mercoledì 2 dicembre 2020

Scegliere la porta blindata per proteggere la propria casa non è facile come sembra.

Oggi il mercato offre innumerevoli soluzioni dai prezzi molto differenti, ma se il termine generico “blindato” suggerisce la sensazione di sicurezza, non è scontato che qualsiasi porta blindata risponda ai parametri di sicurezza e di comfort che ci si aspetta per poter proteggere la propria abitazione e i propri cari.

Per scegliere consapevolmente, occorre per prima cosa distinguere tra porte blindate che devono proteggere appartamenti e quindi si trovano in ambienti al coperto e non sono esposte alle intemperie e porte blindate che invece devono isolare anche dal freddo, dall’umidità, dai rumori di strada e dagli eventi atmosferici in generale.


Nel primo caso la caratteristica di primo interesse è la sicurezza e, dal punto di vista estetico, è necessario che esternamente si uniformi a quelle gia presenti nel condominio, nel secondo caso invece si parla di portoncino di ingresso ed essendo esposto agli agenti atmosferici deve avere tra le sue caratteristiche anche una tenuta termica, all’acqua e all’aria e al rumore ed è fondamentale che tra i requisiti sia prevista una soglia termica, un pannello resistente al sole e all’acqua, una adeguata coibentazione e, configurandosi come infisso esterno, deve avere lo stesso isolamento termico richiesto per i serramenti nella relativa fascia climatica.


Dopo questa prima distinzione, la fondamentale caratteristica da valutare è la classe di antieffrazione della porta, esistono infatti 6 classi di sicurezza che corrispondono ai tentativi di scasso effettuati su di esse con una simulazione svolta presso autonomi istituti certificatori.

In questi Istituti vengono svolti dei test con gli stessi strumenti utilizzati dai malintenzionati per un tempo determinato di prova. Se la porta blindata resiste e supera il test, ottiene la certificazione per quella classe antieffrazione. Più alta è a classe, maggiore è la sicurezza della porta.

Se avete presente le vecchie porte con la chiave lunga a doppia mappa sappiate che nel loro test di appartenenza in classe 2 resistevano solo per pochi minuti allo scasso con cacciavite martello e tassello. Mentre con la classe 3 nel test si aggiungeva anche il piede di porco e un cacciavite più grande.


E’ bene sapere che quando si sostituisce la sola serratura su una vecchia porta, sostituendo solo un cilindro europeo piuttosto costoso, bisogna sapere che comunque la porta resta sempre nella sua classe di appartenenza e la spesa esagerata per sostituirne il cilindro risulta spesso inutile.

La classe 4 prevede nel test anche strumenti come trapani, seghe, tenaglie oltre a tutti gli attrezzi delle due classi precedenti, quindi chi prevede di sostituire la sua porta blindata dovrebbe orientarsi su una porta di ultima generazione di classe 4, queste hanno una serratura con defender (un dispositivo a protezione del cilindro) molto particolare, le chiavi hanno profili dedicati e quindi non sono riproducibili, come le chiavi dell’auto devono essere richiesta all’azienda o al rivenditore e i cilindri sono corredati anche di chiavi d’emergenza con cui è possibile cambiare in modo autonomo e immediato la mappatura in caso di furto delle chiavi.

Le porte certificate in classe 5 e 6 sono invece richieste in ambito di situazioni più particolari e a protezione di caveau.

Oggi quasi tutte le porte blindate prevedono un cilindro di tipo “europeo” ma questo non significa che i cilindri siano tutti uguali e soprattutto bisogna sapere che anche il cilindro più evoluto, antibumping, ultra sicuro e di solito costosissimo, è vulnerabile se a proteggerlo non c’è un adeguato defender, cioè un blocco di metallo che racchiude e protegge nel suo incavo il cilindro.


Il defender , unitamente al cilindro,può considerarsi il cuore della porta blindata, esso protegge la serratura ed è il bersaglio principale nel tentativo di effrazione. Sono senz’altro preferibili quelli incassati o con una forma atta ad impedire che vengano divelti. Ad esempio quelli ovali e quelli con mascherine incassate sono senz’altro più resistenti ai tentativi di scasso.

La serratura di servizio non è più indispensabile se la serratura principale possiede un cilindro con adeguato defender e chiavi dal profilo dedicato e irriproducibili, questo vi darà certezza che nessuno riprodurrà le vostre chiavi e la vostra porta resterà sempre ben chiusa.

E le porte con serrature elettroniche e Smart ?


... questo è il futuro, oggi si sta diffondendo moltissimo l’utilizzo delle porte blindate intelligenti, scompare il problema delle chiavi, del ricordarsi di chiudere, si può gestire chi entra, quando e per quanto tempo, si può disabilitare chi non deve più entrare con un gesto sullo schermo dello smartphone , si può entrare con l’impronta o con una card o un codice numerico o con l’app. del telefono in Bluetooth.

Nelle emergenze di può gestire una entrata da remoto, insomma questi dispositivi si possono applicare su tutte le porte di qualsiasi classe e sono estremamente comodi.

Le porte blindate di qualità, siano esse elettroniche o manuali, hanno il comune denominatore della sicurezza e della garanzia, solitamente si allineano tutte su una fascia di prezzo molto simile, in Italia abbiamo molti marchi rinomati e apprezzati in tutto il mondo, ci sono alcune eccellenze ed alcuni brand più commerciali ma ognuno offre servizi di garanzie e assistenza sul prodotto e meritano una attenta analisi prima di acquistare.


Noi ci raccomandiamo sempre di scegliere la porta blindata con il criterio della sicurezza e dell’assistenza post vendita della casa costruttrice perché spesso si tratta dell’unico accesso alla casa ed è fondamentale che il servizio preveda sempre un tempestivo intervento di assistenza.

Per questo motivo è utile scegliere rivenditori vicini alla propria casa con capacita di intervento immediato, con posatori qualificati e reperibili che offrano garanzia di intervento e di ricambi in modo tempestivo se ad esempio dovete cambiare il cilindro, si ossida una serratura, se dovete riconfigurare le impronte o avete subito un tentativo di scasso o vi hanno rubato le chiavi in auto con i documenti. Insomma quando si acquista una porta blindata non basta accertarsi che sia robusta e tenga fuori i malintenzionati ... ma che sia gestibile e sicura anche per il proprietario.

Scopri le porte blindate vendute da Le Porte!

Ultima modifica: mercoledì 2 dicembre 2020

Articolo postato: mercoledì 2 dicembre 2020


Prodotti citati


Ti potrebbero interessare anche queste news